«Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima cosa, perchè lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana»(Silvio Berlusconi, 4 settembre 2003)
.

giovedì 11 marzo 2010

Così a Roma venne insabbiata l’inchiesta sul G8





di Peter Gomez e Marco Lillo
(Giornalisti)





da Il Fatto Quotidiano dell’11 marzo 2010



I verbali dei pm e le dichiarazioni del Noe che inchiodano Toro
Nella Capitale l’indagine venne subito ibernata per ragioni di “opportunità politica”



Continui inviti alla prudenza. “Obiezioni di opportunità politica”. Considerazioni, estranee al codice di procedura penale, sul rischio di nuocere “all’immagine del paese”.

Eccola qui la magistratura davvero politicizzata.

Eccola qui, tutta raccontata in quattro verbali depositati a Perugia, dove la parte più consistente dell’indagine sulla cricca della Ferratella è stata spostata quando l’ex procuratore aggiunto di Roma, Achille Toro, è finito sotto inchiesta per rivelazione del segreto d’ufficio, corruzione e favoreggiamento.

Dal 16 febbraio, infatti, i pm del capoluogo umbro sono al lavoro non solo per capire se davvero Toro, come sembra emergere intercettazioni, ha avvertito gli uomini del capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, dell’inchiesta del Ros dei Carabinieri in corso a Firenze e degli imminenti arresti.

Ma anche per stabilire perché, e in che modo, nella Capitale, un fascicolo analogo a quello toscano, tutto incentrato sui lavori per il G8 (mancato) alla Maddalena, sia stato di fatto insabbiato.

È la storia di un’altra indagine del’Arma. Quella del Nucleo operativo ecologico (Noe) che nell’estate di due anni fa incappa in Sardegna in una serie di imprenditori in contatto con Angelo Balducci, l’allora braccio destro di Bertolaso.

Gli imprenditori parlano tra loro di “appalti e di buste” e fanno un quasi esplicito riferimento a un plico definito di “ringraziamento”.

Per ragioni di competenza (Balducci sta a Roma) i primi risultati dell’inchiesta vengono trasferiti dalla procura di Sassari a quella della Capitale.

Qui nel luglio del 2008 l’indagine viene assegnata dal procuratore Giovanni Ferrara al pm Assunta Cocomello e subito dopo viene ibernata.

Come? Ferrara (non indagato) e Toro consigliano di procedere coi piedi piombo.

Dicono di no alle richieste di intercettazioni telefoniche avanzate dai carabinieri e soprattutto decidono che l’inchiesta sia tolta al Noe e venga assegnata alla Guardia di Finanza, alla quale verranno dati solo compiti di verifica contabili.

Il tutto quando, grazie a un lungo articolo pubblicato da L’Espresso nel dicembre 2008, era ormai chiaro che alla Maddalena i lavori per il G8 si stavano risolvendo in un gigantesco spreco di denaro per i contribuenti.

A Perugia, il capitano Pasquale Starace racconta di aver redatto un appunto in cui esprimeva la sua “sorpresa” e informava i superiori dell’accaduto.

“I motivi del mancato accoglimento della nostra richiesta, che”, spiega l’ufficiale, “secondo me esulavano dalla fisiologica dialettica tra la polizia giudiziaria e magistratura, erano rappresentati sostanzialmente dal fatto che il magistrato titolare delle indagini concordasse con noi sulla bontà degli elementi raccolti, ma che gli esiti da noi richiesti, e ripeto apparentemente condivisi dalla dottoressa Cocomello, non venivano adottati per dei contrasti con i vertici della procura, segnatamente il procuratore Ferrara e l’aggiunto Toro, i quali formulavano obiezioni di opportunità politica, non di discrezionalità giudiziaria”.

Altrettanto “sorprendente” era poi la decisione di estromette il Noe dall’indagine.

Quello che succede è insomma chiaro. Si cambiano in corsa gli investigatori per rallentare tutto.

Da una parte, come racconta il tenente Francesco Ceccaroni, i vertici della procura sostengono che “mancano i presupposti giuridici per contestare la corruzione” contro Balducci e i suoi amici.

Dall’altra la “dottoressa Cocomello” spiega che le ipotesi investigative del Noe non erano state accolte “per il nocumento che all’immagine del paese sarebbe potuta derivare da un’indagine penale su un avvenimento di tale portata, quale quello del G8”.

Valutazioni che, secondo il Tenente, la pm non sembrava condividere, ma alle quali comunque si adegua.

Le direttive, del resto, lo ricorderà lei stessa nella sua deposizione, sono inequivocabili.

Ogni atto, ogni iniziativa riguardante l’inchiesta sulla Maddalena deve essere concordata e discussa con il procuratore Ferrara e l’aggiunto Toro.

Sono loro due che suggeriscono di sfilare l’indagine al Noe e di affidarla al Nucleo di polizia tributaria che era “apparso come l’organo di pg più consono ad effettuare gli approfondimenti investigativi che avevamo richiesto”.

E sono sempre loro due a dire no alle richieste d’intercettazioni.

Un fatto quasi normale. “Anche in altre circostanze”, spiega la pm, “Toro è stato molto cauto nel ricorso a tale attività d’investigazione”.

Mentre Ferrara appare più che altro terrorizzato dalle eventuali fughe di notizie.

“Se ne è parlato più volte tra noi”, ricorda il magistrato, “Ferrara mi ha responsabilizzato in ordine alla delicatezza dell’indagine. I fatti erano oggetto di dossier giornalistici e se si fosse saputo in quel particolare momento storico dell’esistenza dell’inchiesta romana, sicuramente avrebbe avuto vasta eco”.

Così si arriva sino a fine del 2009 quando il fascicolo viene assegnato anche a un altro sostituto, Sergio Colaiocco, che già si occupava degli abusi edilizi legati ai lavori seguiti dalla protezione civile per i mondiali di nuoto.

La connessione tra le storie è evidente. Ma Ferrara e Toro vogliono anche che tutto sia seguito da un magistrato considerato prudente e di piena fiducia.

Siamo però ormai a poche settimane dagli arresti fiorentini (10 febbraio).

Circolano già molte voci e i due pm, a quel punto, tentano di accelerare di nuovo.

Colaiocco e Cocomello propongono ancora di ricorrere alle intercettazioni.

Ma Toro continua a opporsi.

Poi scattano le manette.

E per i vertici della procura della Capitale inizia il tempo della vergogna.


____________________________________________


Da Sky.it



In giornata il procuratore generale di Roma Giovanni Ferrara ha annunciato querela contro i giornali “perché i titoli non rispecchiano affatto il contenuto del verbale reso ai pm di Perugia dalla dottoressa Assunta Cocomello” e una querela ai due ufficiali del Noe, “con cui non ho mai parlato”, per aver detto che “le intercettazioni sugli appalti del G8 furono bloccate per opportunità politica”.
“Rivendico il pieno diritto di esercitare le prerogative che spettano a un capo dell’ufficio quale io sono - spiega Ferrara -. Fa parte del mio lavoro, è mio dovere farlo, le regole le ho sempre rispettate. Posso anche sbagliare, sempre in buona fede, ma se non sono convinto che vada adottato un qualunque provvedimento sono capace di discutere anche per giorni interi. Nel caso specifico, escludo fermamente che le intercettazioni non siano state adottate per ragioni di opportunità politica.”




1 commenti:

Anonimo ha detto...

"Più dell'onor potè il digiuno"

Alessandra