«Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima cosa, perchè lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana»(Silvio Berlusconi, 4 settembre 2003)
.

giovedì 3 aprile 2008

E chiedere scusa a Clementina Forleo?


Versione stampabile


di Marco Travaglio
(Giornalista)



da L’Unità del 2 aprile 2008

Il tempo, dice il proverbio, è galantuomo. E aiuta a distinguere i galantuomini dai mascalzoni.

Da un anno due galantuomini, Clementina Forleo e Luigi De Magistris, vengono attaccati, perseguitati, infangati da una campagna politico-mediatica che avrebbe stroncato un bisonte.

Ma non si sono lasciati abbattere.

Hanno risposto colpo su colpo nelle «sedi competenti».

Ora in quelle sedi la verità comincia a emergere.

A Salerno, dove De Magistris ha denunciato i superiori per le fughe di notizie che poi venivano attribuite a lui, le indagini sarebbero a buon punto: non è lontano il giorno in cui chi l’ha condannato al C.S.M. dovrà vergognarsi e chiedergli scusa.

E da Potenza giungono notizie analoghe sul cosiddetto «caso Forleo».

La Procura lucana, cui si era rivolta la gip di Milano, ipotizza un complotto architettato contro di lei da due pm e da un tenente dei Carabinieri di Brindisi.

Nella primavera-estate del 2005, mentre Clementina intercetta lo sgovernatore Fazio e i furbetti a colloquio con i loro protettori politici, i suoi genitori vengono minacciati di morte con telefonate (o semplici squilli notturni) e lettere anonime, poi si vedono incendiare la tenuta agricola e la villa in campagna, infine perdono la vita in un incidente d’auto.

Senza ipotizzare l’incidente doloso (alla guida c’era suo marito, salvo per un pelo), la Forleo ha denunciato da tempo alla Procura di Brindisi gli inquietanti episodi che l’hanno preceduto.

Per scoprire chi ne siano gli autori, occorreva acquisire i tabulati telefonici non solo dei genitori della giudice, ma anche dei numeri chiamanti e soprattutto mettere sotto controllo il telefono di casa dei minacciati (gli squilli, non attivando il traffico commerciale, nei tabulati non risultano).

Ma il pm Alberto Santacatterina chiede ai carabinieri solo i tabulati, senza intercettazioni.

E quelli fanno ancora meno: si limitano ad acquisire i tabulati di casa Forleo, non quelli – fondamentali – delle chiamate in entrata.

Lei chiama il tenente Pasquale Ferrari – lo stesso incaricato della sua tutela in Puglia – per sollecitarlo a fare il suo dovere.

Telefonata burrascosa («si vergogni di indossare la divisa», avrebbe detto la giudice), che l’ufficiale segnala al procuratore di Brindisi, dottor Giannuzzi.

Questi però l’archivia subito a «modello 45» (notizie non costituenti reato): un innocuo sfogo personale e nulla più.

Intanto la Procura ha chiesto pure l’archiviazione sulle minacce ai genitori.

Il gip però respinge la richiesta, ordinando indagini più approfondite.

Che però non vengono fatte e il caso finisce definitivamente in archivio.

Così si comincia a dire che Clementina, avendo denunciato ad Annozero «tentativi di delegittimazione da soggetti istituzionali e forze dell’ordine», è una pazza visionaria: s’è perfino inventata le minacce ai genitori.

Il C.S.M., per la gioia di un Parlamento ancora sotto choc per l’ordinanza Unipol-Antonveneta, apre una pratica per trasferirla: per avere screditato integerrimi colleghi e ufficiali «con accuse infondate».

In realtà erano fondatissime, ma qualcuno ha fatto in modo di ridicolizzarle.

E’, appunto, il presunto complotto su cui lavora la Procura di Potenza, orchestrato «al solo fine di dare una lezione» alla Forleo.

Occhio alle date. L’8 giugno 2007 il procuratore Giannuzzi archivia il caso della telefonata al tenente. Il 20 luglio la gip chiede alle Camere di poter usare le intercettazioni sulle scalate anche contro alcuni politici e finisce nella bufera. Il 14 agosto, mentre Giannuzzi è in ferie, il tenente Ferrari presenta una denuncia scritta contro la Forleo, ancora per la telefonata: guarda caso, proprio quand’è di turno per le questioni urgenti (per quelle ordinarie bisogna attendere la ripresa autunnale) il pm Antonino Negro, amico dell’ufficiale e del pm Santacatterina.

I tre, sempre secondo la Procura di Potenza, «concordano tra loro il testo della denuncia» e la data della presentazione per gestirla con le proprie mani e “dare una lezione” a Clementina, «esponendo una versione diversa da quanto sarebbe realmente accaduto nella conversazione telefonica tra Forleo e Ferrari».

Negro, di turno proprio quel giorno, apre il fascicolo e se lo intesta.

Ma non potrebbe: l’affare non è urgente.

E poi dovrebbe avvertire il capo, che ha già archiviato il caso.

Fortuna che la Forleo, in vacanza in Puglia, si arma di registratore, cerca di capire cosa le stanno facendo e scopre la tresca, subito denunciata a Potenza e al C.S.M..

A quel punto pare che Ferrari si dica disposto a ritirare la denuncia.

Ma lei tira diritto e chiede al Pg di Brindisi di avocare l’inchiesta a Negro.

Il quale, per tutta risposta, chiude le indagini a tempo di record e la rinvia a giudizio per minacce al tenente.

Ora sulla strana triangolazione Ferrari-Negro-Santacatterina sta facendo luce il pm di Potenza Cristina Correale che, nell’invito a comparire inviato per interrogarli, li accusa di abuso d’ufficio (e Santacatterina anche di falso).

Quale abuso? Presentando la denuncia «in periodo feriale, nella settimana in cui era di turno il dr Negro per far sì che il predetto venisse designato titolare del procedimento in violazione delle tabelle in vigore in ufficio, veniva arrecato intenzionalmente a Forleo un danno ingiusto».
Cioè l’apertura di un processo per un fatto già archiviato.

Altro danno: le indagini lacunose sulle minacce ai genitori.

Li Santacatterina e Ferrari «indebitamente omettevano di curare l’effettiva acquisizione dei tabulati», anche se poi il pm, nel chiedere l’archiviazione del caso, «attestava falsamente» di averli «acquisiti ed esaminati» e di non aver trovato «telefonate utili alle indagini» (ipotesi di falso).

Un bel quadretto che, se confermato dalle indagini, costringerà un bel po’ di politici, giornalisti, magistrati, alte e basse cariche istituzionali a chiedere scusa alla Forleo.

E magari a vergognarsi.

Sempreché le scuse e la vergogna, nel frattempo, non siano cadute in prescrizione.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

OT... ma non troppo

Blog di Paolo Franceschetti

Onelio P.

Anonimo ha detto...

Credo che non sarà così semplice (anche se sarebbe auspicabile)che il CSM, porgerà le scuse alla giudice Forleo.Personalmente non credo che questo organo,oggi, dia garanzia di imparzialità per tutti i giudici. Perché non diciamo chiaramente che i "consiglieri" sono l'espressione del/dei partito/ti che li hanno eletti? Più che di auto-governo dei giudici, mi pare che (per alcune decisioni) si possa parlare di difesa di una parte della"casta".

Lia Gambino

Anonimo ha detto...

Mi chiedo se quell'insieme di istituzioni che dovrebbero garantire un efficace equilibrio dei poteri non rischi di diventare col tempo una grossa società di mutuo soccorso.