«Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima cosa, perchè lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana»(Silvio Berlusconi, 4 settembre 2003)
.

venerdì 4 aprile 2008

Il precedente Napolitano


Versione stampabile


di Marco Travaglio
(Giornalista)


Da L’Espresso del 10 aprile 2008

Nel loro tour elettorale in Calabria, Veltroni e Berlusconi hanno detto lodevoli cose contro le mafie.

Ma nemmeno una parola sui furti di denaro pubblico scoperchiati dal pm Luigi De Magistris, recentemente punito dal Csm unanime con la censura e il trasferimento di sede e di funzione.

Solo Di Pietro ha solidarizzato con lui, offrendogli pure una candidatura che il pm ha declinato.

Da quando la sua sentenza è stata depositata, politica e magistratura l’hanno accolta con uno strano silenzio.

Eppure il giudice Felice Lima la smonta punto per punto su “Micromega” e un bel libro fresco di stampa, Il caso De Magistris di Antonio Massari (ed. Aliberti), dimostra che è basata addirittura su un falso.

Uno degli addebiti che sono costati la condanna al pm è l’iscrizione segretata di due indagati eccellenti: il Sen. Avv. Giancarlo Pittelli (Fi) e il generale Walter Cretella.

Anziché annotare i due nomi sul registro, De Magistris custodì l’atto d’iscrizione in cassaforte, riservandosi di riportarlo sul libro della Procura in un secondo momento.

Motivo: Pittelli, indagato e difensore di Cretella, è intimo amico del procuratore Mariano Lombardi. Il figlio della convivente del procuratore è addirittura socio di Pittelli.

E De Magistris ha denunciato il suo capo alla Procura di Salerno, accusandolo di aver informato Pittelli delle indagini su altri clienti del Sen. Avv..

Il Pg della Cassazione Vito D’Ambrosio, chiedendo al Csm la condanna di De Magistris, ha affernato: “Io non ho mai visto un atto secretato con la chiusura in armadio blindato dell’ufficio. Non solo, nego che ci possa essere”.

Ma, come risulta dallo scoop di Massari, quell’iscrizione blindata ha un precedente illustre che riguarda proprio il presidente del Csm che ha condannato De Magistris: il capo dello Stato Giorgio Napolitano.

Nel 1994 i pm napoletani Rosario Cantelmo e Nicola Quatrano raccolgono una testimonianza su un presunto finanziamento illecito di 200 milioni di lire alla corrente migliorista del Pci guidata da Napolitano.

È solo una voce, ma i pm hanno l’obbligo di verificarla e di iscrivere Napolitano sul registro degli indagati.

Cosa che fanno, ma in via riservata per evitare fughe di notizie destabilizzanti.

Come?

Con un atto sigillato e blindato in cassaforte, collegato a una sigla in codice annotata sul registro degli indagati.

E bene fanno: la notizia si rivelerà non provata.

Il Csm non si sognerà mai di punire i due pm, che han garantito i diritti dell’indagato e la riservatezza delle indagini.

Proprio come ha fatto De Magistris, che però non temeva talpe esterne, ma interne. Lui però l’hanno punito.

Intanto, vedi ultima puntata di “Report”, i furti di denaro pubblico in Calabria continuano.

Ma tutti i politici indagati da De Magistris sono stati ricandidati, dal Pd e dal Pdl: torneranno felicemente in Parlamento.

7 commenti:

Vincenzo Agosto ha detto...

E così la Calabria continua ad affogare tra l'indifferenza generale, i finanziamenti destinati allo sviluppo e alle opere pubbliche finiscono in tasca a chi sa chi e il magistrato che indaga viene punito.

O siamo noi alieni, oppure qualcosa di storto c'è.

Anonimo ha detto...

Oltre alla prova provata dei delitti cosa altro occorre?
Alessandra

Maurizio Bolognetti ha detto...

Occorre non pestare i piedi a nessun potentato.

Questi vogliono una magistratura che indaghi e persegua solo i venditori di fazzolettini e i lavavetri.

Al limite anche il crimine organizzato...ma a patto che non si scoprano rapporti con le cosche partitocratiche.

Siamo messi male...molto male.

Maurizio Bolognetti ha detto...

Il grande Bardo direbbe: "C'è del marcio in Danimarca"

Maurizio Bolognetti ha detto...

Il cavaliere mascherato ha gettato definitivamente la maschera.

Visto che non bastano intimidazioni e delegittimazioni adesso si passa al metodo dell'ospedale psichiatrico in cui internare gli inquirenti che si permettono di indagare.

Se questo vince faccio le valige e parto...

Paolo Emilio ha detto...

...non dimenticare lo spazzolino !

Vincenzo Scavello ha detto...

Ragazzi ... Mangano un eroe!!!!

Mi ero chiesto, infatti, se la Forleo e De Magistris non fossero due pericolosissimi mafiosi!

Buona pausa di "riflessione" a tutti.

Ho detto "riflessione" non genuflessione!