«Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima cosa, perchè lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana»(Silvio Berlusconi, 4 settembre 2003)
.

martedì 10 marzo 2009

Germania-Italia 10-0





di Marco Travaglio
(Giornalista)





da Voglioscendere del 7 marzo 2009


Germania. Il deputato Jorg Tauss viene indagato per mesi per pedopornografia, con intercettazioni telematiche (gli leggono le mail) e incroci di tabulati telefonici.

Senza chiedere l’autorizzazione al Parlamento, onde evitare di informarlo che era controllato.

L’altro giorno, a fine indagine, i giudici han chiesto ex post al Bundestag il permesso di usare intercettazioni e tabulati, nonché di perquisire l’ufficio dell’onorevole.

La polizia ha atteso davanti alla porta della stanza il voto dei deputati, che è giunto in tempo reale.

Dopodichè è scattata la perquisizione.

Se le prove a suo carico saranno confermate, Tauss verrà cacciato dal partito e dal Parlamento.

Italia. Per la seconda volta, la giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato presieduta da Marco Follini ha rispedito al mittente la richiesta dei giudici di Milano di poter utilizzare le telefonate intercettate nell’estate del 2005 fra Giovanni Consorte e il senatore Pd Nicola Latorre sulla scalata illegale di Unipol a Bnl.

Voto unanime: Pdl e Pd, Lega e Udc appassionatamente affratellati, a parte Luigi Ligotti dell’Idv.

I giudici vogliono usare le telefonate per indagare Latorre per concorso nell’aggiotaggio di Consorte.

Il Senato risponde picche, perché Latorre non è indagato.

Ma la legge Boato prevede che le telefonate siano inutilizzabili, salvo autorizzazione del Senato.

Senza la quale Latorre non potrà mai essere indagato.

Intanto la gip che osò chiedere il permesso, Clementina Forleo, è stata cacciata da Milano.

Latorre invece resta vicecapogruppo del Pd. Forza Pd. Anzi, Forza Italia.

_________

La vignetta è di Bandanas




5 commenti:

Anonimo ha detto...

interessante:
http://notizie.virgilio.it/notizie/politica/2009/03_marzo/10/giustizia_de_magistris_e_prefascismo_difendere_costituzione,18299745.html

Anonimo ha detto...

http://notizie.virgilio.it/notizie/politica/2009/03_marzo/10/genchi_de_magistris_caso_una_bufala_non_temo_relazione_copasir,18299431.html

3my78 ha detto...

Sono 15 anni che la casta si difende così! Vergognosi!
Pd protesi del PDL!

salvatore d'urso ha detto...

Roma, 19:46

GENCHI: SCHIFANI, URGENTE COLMARE VUOTO LEGISLATIVO
"E' indispensabile ed urgente una attenta riflessione per colmare questo vuoto legislativo". Lo dice il presidente del Senato Renato Schifani subito dopo che il presidente del Copasir Francesco Rutelli ha letto in Aula la relazione del Comitato sulle attivita' di Giocchino Genchi consulente del pm di Catanzaro. "Ci troviamo davanti ad una vicenda estremamente emblematica e piena di risvolti delicati che hanno toccato elementi sensibili delle istituzioni del paese. Al di la' del fatto di aver sfiorato la violanzione della privacy di alcuni parlamentari, e' il contesto generale che e' molto piu' inquietante ed articolato", ha sottolineato Schifani.
Roma, 19:48

GENCHI: GASPARRI, COMMISSIONE INCHIESTA CASO INQUIETANTE
'La relazione di Rutelli nell'Aula del Senato sullo scandalo Genchi ci parla di una vicenda inquietante. Sono stati sventrati con attivita' illecite apparati di sicurezza, servizi segreti, ambasciate, procura antimafia e Parlamento. Una mostruosa e illegale banca dati e' ancora esistente nonostante gli evidenti e reiterati reati connessi da Genchi e non solo da lui. Quali sono le responsabilita' di De Magistris? Il Capo della polizia a quali compiti ha ora adibito Genchi? Perche' non e' stato sospeso dal servizio? Come ci si puo' fidare di una magistratura che lascia ancora operare De Magistris? Le procure spesso cosi' attive nell'uso delle manette come mai non aprono le porte del carcere a chi lo merita? Occorre una Commissione di inchiesta parlamentare su questa vicenda vergognosa. Chiedo intanto a Manganelli di fare il suo dovere. Allontando stasera stessa chi va cacciato. Anche per evitere proprie responsabilita'. E spero si muova il Csm. Certe persone non possono agire tuttora nello Stato'. Lo dichiara il presidente del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri.
Roma, 19:49

GENCHI: RUTELLI, SPESI MLN EURO MA NON CHIARO IL PERCHE'
Il criterio di delega "totale" a svolgere "nei fatti" un'attivita' di investigazione, di polizia giudiziaria, ad un consulente privato, va "attentamente valutato". Lo ha detto il presidente del Copasir, Francesco Rutelli, nell'aula del Senato. A proposito del cosiddetto caso Genchi, il consulente che ha lavorato per diversi uffici giudiziari e che e' stato nominato anche dal pm De Magistris per le inchieste Poseidone e Why Not, Rutelli ha sottolineato: "ancorche' si sia trattato di un vicequestore della polizia di Stato in prolungato permesso sindacale, si e' provveduto ad attribuirgli incarichi professionali retribuiti a beneficio di una societa' privata da lui controllata. Moltiplicando tale attivita' per le decine di incarichi assegnati da diversi uffici giudiziari, essa ha fatturato diversi milioni di euro. Non e' chiaro perche' le molteplici strutture tecniche dello Stato siano state spogliate di tali attivita' e perche' siano state sostenute tali spese (cui vanno aggiunti molti milioni all'anno per le copiose prestazioni fornite al consulente dalle societa' telefoniche nell'ambito delle diverse inchieste, e poste a carico dei singoli uffici giudiziari)".

Vincenzo Scavello ha detto...

Ecco perchè Di Pietro è isolato dal resto della politica italiana.

Il PD deve fare i conti con le indagini della Dott.ssa Forleo e prima lo fà prima potrà pensare di guadagnare credibilità e voti.

Combattere Berlusconi e utilizzare la Giustizia nel suo stesso identico modo, non fa altro che indignare la gente.

Nessuna meraviglia, dunque, se IDV sale e il PD scende.

Il popolo è meno fesso di quanto si vuol far credere, a parte qualche decina di milioni di eccezioni.