«Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima cosa, perchè lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana»(Silvio Berlusconi, 4 settembre 2003)
.

sabato 16 agosto 2008

Un altro martire: l’“integerrimo” Gava.




di Marco Travaglio
(Giornalista)



da Voglioscendere e da L’Unità del 10 agosto 2008


Per Berlusconi, Antonio Gava era «integerrimo» e «la sua morte non cancella il torto che ha subìto: il calvario giudiziario di 13 anni che ne ha minato la salute e si è concluso con la piena assoluzione da un’accusa infamante e infondata».

Per il ministro-kiwi Rotondi, l’artefice del «Rinascimento di Napoli».

Per Piercasinando, fu vittima della «stagione del giustizialismo».

Per l’emerito Cossiga, «uno dei tanti perseguitati dalla magistratura militante».

Per l’ex ministro della Giustizia Mastella, «fu fiaccato da pesanti accuse che si sono dimostrate del tutto inesistenti, da teoremi poi tutti smentiti».

Per quella testa fine di Bobo Craxi, «quando a Napoli c’erano uomini come Gava la monnezza non c’era» (infatti lo chiamavano “Fetenzia”).

Il professor Galasso lo definisce «integerrimo» e «uscito sempre benissimo da qualsiasi aula di tribunale».

Il presidente Napolitano denuncia «le difficili prove personali».

Ora, prima che lo scomparso Padre della Patria venga beatificato, con strade e piazze intestate a suo nome, è forse il caso di ricordare un paio di dettagli, tratti dalle sentenze che tutti citano e che nessuno ha letto.

Il primo processo a Gava, per ricettazione, portò alla sua condanna a 5 anni in primo grado, poi ridotti a 2 in appello (la Cassazione derubricò il reato in corruzione e fece scattare la prescrizione: dunque era colpevole di tangenti, ma la fece franca).

Il secondo, quello per concorso esterno in associazione camorristica in seguito alle accuse dei boss pentiti Galasso e Alfieri, si chiuse con una assoluzione definitiva e un risarcimento per ingiusta detenzione.

Ma basta leggerla (il sito Societacivile.it ne pubblica ampi stralci) per comprendere che il processo fu doveroso, l’accusa si basava su fatti concreti e documentati: «Ritiene la Corte - scrivono i giudici di Napoli - che risulti provato con certezza che il Gava era consapevole dei rapporti di reciprocità funzionali esistenti tra i politici locali della sua corrente e l’organizzazione camorristica dell’Alfieri, nonché della contaminazione tra criminalità organizzata e istituzioni locali del territorio campano; è provato che lo stesso non ha svolto alcun incisivo e concreto intervento per combattere o porre un freno a tale situazione, finendo invece con il godere dei benefici elettorali da essa derivanti alla sua corrente politica: ma tale consapevole condotta dell’imputato, pur apparendo biasimevole sotto il profilo politico e morale, tanto più se si tiene conto dei poteri e doveri specifici del predetto nel periodo in cui ricoprì l’incarico di ministro degli Interni, non può di per sé ritenersi idonea ed affermarne la responsabilità penale».

Ancora: «L’imputato aveva piena consapevolezza dell’influenza esercitata dalle organizzazioni camorristiche operanti in Campania sulla formazione e/o l’attività e del collegamento dei politici locali con i camorristi, sicché non potrebbe neanche ritenersi che egli si sia interessato della politica locale senza rendersi conto del fenomeno della compenetrazione della camorra nella vita politica, alla cui gestione avrebbero provveduto, a sua insaputa, gli esponenti locali della corrente … Appare evidente che la consapevolezza da parte dell’imputato dell’infiltrazione camorristica nella politica campana, insieme allo stretto rapporto mantenuto con gli esponenti locali della sua corrente e con le istituzioni politiche del territorio medesimo, nonché all’omissione dei possibili interventi di denuncia e lotta al sistema oramai instauratosi in zona, costituiscono elementi indiziari di rilievo da cui potersi dedurre la compenetrazione dell’imputato nel sistema medesimo, secondo quanto posto in rilievo dalla Pubblica Accusa … Il Gava non risulta essersi concretamente attivato, quale capocorrente della Dc o nelle sue funzioni ministeriali, per porre un argine al fenomeno della contaminazione politica da parte della criminalità nel territorio campano; come nessuna iniziativa ha adottato per la sospensione dei consiglieri comunali, di cui pur conosceva la contiguità alla camorra, sospensione resa possibile dalla Legge entrata in vigore quando era ancora ministro degli Interni».

Insomma, il ministro dell’Interno Gava stava con lo Stato, ma anche con la camorra.

Se questo, per dirla col professor Galasso, è «uscire benissimo da ogni aula di tribunale», allora una strada non basta. Gava merita almeno un monumento equestre.



________________

La foto è tratta da
blog.panorama.it


1 commenti:

Graziella ha detto...

Spesso la MORTE è usata per cancellare,come si fa con un colpo di spugna,le colpe di cui si è macchiato durante la sua vita chi non c'è più.La morte, spesso,cancella la memoria di chi ritiene che sia un "dovere"cristiano stendere un velo pietoso sulle responsabilità di chi non non c'è più.Questa tendenza a "obliare"i brutti ricordi fa bene all'individuo che ha subito gli effetti negativi delle azioni commesse in vita dal defunto.Dimenticare è un modo per curare le nostre ferite e trovare la forza per trarre da esse la capacità di "crecere" per vivere la nostra vita.
Questa stessa azione del dimenticare diventa,però,negativa,se non addirittura dannosa per l'intera collettività quando la perdita della memoria riguarda persone che sono state tra i pricipali esponenti pèolitici della vita pubblica dello Stato per almeno 2 decenni.In questi casi non si può ricorrere all'oblio ma bisogna con coraggio dire qual'è stato il vero ruolo di chi non c'è più perchè "celebrare" chi ha usato la Res publica per i propri fini personali (...),non può e non deve con la morte ritrovarsi "innocente per non aver commesso il reato.
Graziella Mattaliano