«Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima cosa, perchè lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana»(Silvio Berlusconi, 4 settembre 2003)
.

martedì 2 giugno 2009

Camminare in fila indiana








17 commenti:

giulia ha detto...

tutto questo per dire cosa?

ma cosa è poi la democrazia per voi?
per essere più chiara vi dirò che a me il buonismo non piace. io sono una persona che è disposta a donare solo se può ricevere.
tanto per fare un esempio i comunisti vorrebbero un mondo di eguali davanti alla legge secondo me invece il mondo è diverso e è diviso in classi e ogni classe ha ciò che merita.
Poi ci sono quelli che non hanno nulla e nulla devono continuare ad avere.
voi forse siete di quelli che se vedono uno che muore di sete gli danno dell'acqua io appartengo a quelle persone che se vedono uno che ha sete gli chiede cosa mi da in cambio altrimenti può continuare a morire di sete per quanto mi riguarda.

voi siete di quelli che se vedono uno steso in terra agonizzante lo aiutano? io sono di quelle che se vede uno steso in terra passa oltre..
sono cavoli suoi non miei.

voi siete di quelli che chiedono giustizia e uomini onesti?

io voglio solo che siano garantiti i miei diritti e poi se al governo ci va un Santo, Provenzano o Cutolo non me ne può fregar di meno.

voi siete d di quelli che dicono che dell'utri è una persona condannata?

io sono di quelli che vorrebbe sapere come ha fatto un associato alla mafia ad arrivare al parlamento per poter fare lo stesso.

io invidio berlusconi non per la sua ricchezza ma perché ci ha saputo fare e mi piacerebbe che insegnasse anche a me come si può fare a fare ciò che fa e dormire tranquilli senza problemi - non di coscienza ma con la legge semmai.

per me il motore di tutto è il mutuo soccorso. io do una mano a te tu la dai a me.
se io la do a te e tu non puoi contraccambiare io passo oltre.
e questo insegno ai miei figli.
come ripeto tu sei buonista io no.
per me non conta chi va in parlamento, fosse pure la mafia pura, conta che possa lasciarmi fare quello che mi pare
quello che mi interessa è il mio orticello se poi tutto intorno brucia non mi riguarda.

io sono così e voi da chi parte state?

nb

lo so che sto post non lo pubblicherete ma voglio dirvi - in ogni caso che il mio è un pensiero collettivo. non lo penso solo io ma tanti, molti.

e sono fiera di aver votato berlusconi.

non ho un nick, nome utente o come si chiama

mi firmo qui poi pensate quello che vi pare

Giulia Fascinelli

Anonimo ha detto...

per Giulia,
se non è uno scherzo quello che hai scritto, attrezzati immediatamente.
Vendi anche l'anima ma trova il sistema di farti mettere in qualche lista elettorale del PDL altrimenti fra poco tempo morirai di fame anche tu.
Vedi Berlusconi da furbacchione quale è si è attrezzato.
Ha caricato su noi cittadini la cassa integrazione dei lavoratori Alitalia e ha distribuito la Società senza debiti ai suoi intimi amici e collaboratori. Pronti a venderla al migliore offerente entro breve.
Con la crisi ha alleggerito gli esuberi Mediaset trasferendoli nelle liste elettorali a carico degli italiani.
Nelle liste elettorali ci sono in tutta Italia famiglie intere: marito, moglie, figli, tutti pronti ad essere sistemati, e se trombati, assunti in enti pubblici. Ti giuro famiglie intere.
Amici e amiche intime promossi a ministro, tutto a spese degli italiani.
Non parliamo poi delle spese di rappresentanza.
Ho saputo che Palazzo Madama aveva organizzato un grande ricevimento dei più grandi stilisti italiani, evidentemente per promuovere il Made in Italy, solo perchè un partecipante, dopo i fatti noti del compleanno, ha confermato che alla festa era presente anche la ragazzina.
Penso che del Made in Italy promosso con i soldi degli italiani, fuori di Italia non se ne sia accorto nessuno.
Una cosa molto importante che si poteva fare con la crisi era il quoziente familiare. Ci sono famiglie molto unite che sono costrette a fare la separazione legale per abbattere le tasse degli alimenti o per mettersi in lista per alloggi popolari. Una specie di falso in bilancio, sai quello che, depenalizzato espressamente, ha fatto assolvere Berlusconi dai suoi processi.
Tanti auguri.
Alessandra

francesco Grasso ha detto...

Cara Giulia,hai ragione di quelli come te è pieno il mondo e per questo motivo siamo a questo punto.Si sei normale!Sai il mio imbarazzo cresce veramente oltremisura quando quelli come te mi chiedono aiuto per fatti di grande ingiustizia in quanto è oggettivamente giusto lasciarli vivere coerentemente col loro essere.

daniele ha detto...

Per Giulia
E' molto grave cio' che dici, mi preoccupano profondamnete le tue affermazioni e considerazioni.Spero che sia solamente uno sfogo di parte e non persi effettivamente a cio' che scrivi, altrimenti come consiglia Alessandra "attrezzati"
daniele

Vittorio Ferraro ha detto...

Non avendo l'interlocutore davanti e non conoscendolo di persona debbo presumere che ciò che ha scritto corrisponda al vero e che, effettivamente, pensi quello che scrive.

Giulia è convinta di vivere in uno stato di natura, privo di regole e di leggi.
In uno stato di natura nel quale i comportamenti morali sono dettati dall'istinto piuttosto che da categorie predefinite ed acquisite.

Lo scadimento morale che traspare dalle parole dell'interlocutore è un atteggiamento, purtroppo, comune ai più, ma per fortuna non a tutti. Ed è il frutto avvelenato di una società alimentata dall'odio e dalla diffidenza. Di una società i cui unici valori di riferimento imposti sono il possesso ed il consumo.

Nonostante questa sua presunta "libertà" io ritengo, invece, l'interlocutore Giulia più "schiavo" di quanto non voglia far credere.

La Repubblica riconosce, certamente, i suoi diritti (e aggiungo stimola anche i suoi sogni e le sue velleità e le sue aspirazioni) ma le richiede anche "l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale."

Anche se lei non lo vuole - e su queste cose fa finta di ribbellarsi - deve sapere che anche che ogni sua iniziativa economica "non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale" e che i suoi beni ("la sua proprietà") possono anche essere "limitati" allo scopo di assicurare la funzione sociale".

Che le piaccia o no: non ci sono solo diritti ma anche doveri!

Francy274 ha detto...

Do ut des.Miserere!!!!


Per Giulia Fascinelli


Io sono quella "fuori dalla fila"...Il Tuo commento meriterebbe d'essere pubblicato in prima pagina su tutti i giornali italiani. La domanda di Franceschini, che pareva inopportuna, con la conseguente indignazione di quei "bravi figlioli", merita una risposta da parte di tutti....Io rispondo qua a quella domanda:
NOOOO!!!!!

Anonimo ha detto...

Per Giulia:
intanto se pensi che qui non pubblichino un tuo commento solo perché difforme dal pensiero comune espresso nel blog hai appena dimostrato di non aver capito nulla dalla vita, confermandolo poi col contenuto del tuo post.

Secondo: sappiamo benissimo che il mondo è pieno di gente come te altrimenti non esisterebbero guerre, fame, carestie, omicidi, criminalità, ecc. ecc.

Terzo: quello che pratichi tu non si chiama "mutuo soccorso", impara a chiamare le cose col loro nome altrimenti è facile prendersi meriti che non si hanno. Mutuo soccorso è io soccorro te in ogni caso e tu soccorri me in ogni caso, con o senza contraccambi. Quello che fai tu si chiama commercio senza scrupoli (senza, perché anche il commercio in parte potrebbe averne).

Quarto: poveri figli tuoi (se è vero che questo insegni loro), e poveri noi tutti che siamo costretti a dividere la terra con gente simile.

Ultimo: come accennato da Alessandra ricordati che se questo è il tuo credo il tuo orticello non sarà mai salvo. Se tutto intorno a te brucia per il tuo orticello è solo questione di tempo. La terra si inaridisce se altrove non piove più. Anche se dovessi riuscire a costruirti una cappa antincendio che inglobi completamente orto, casa e steccato.

Ma chi possiede il tuo credo immagino non riesca a vedere più in là del suo piccolo steccato.

Silvia.

ps: se non dovesse essere chiaro non c'è nulla di offensivo in ciò che ho scritto, né è riferito esclusivamente a Giulia, si tratta solo di una analisi pratica degli effetti del suo credo.

Anonimo ha detto...

Ma non avete capito che la sedicente Giulia è la caricatura ridicola del cattivone di destra?

Vittorio Ferraro ha detto...

Nel mio commento delle ore 13,27 leggere ribellarsi invece che "ribbellarsi".

salvatore d'urso ha detto...

X Giulia...

Ma se un mafioso va al governo... come si può pretendere poi che questi rispetti i tuoi diritti?...

Beh... che poi non credo che il rispetto degli altri... anche degli ultimi sia un pensiero di sinistra... ma solo un pensiero di una società sana e civile...

Magari un giorno potrai tu aver bisogno di aiuto... o anche i tuoi figli... cosa pretenderai? che qualche buonista poi sia obbligato ad aiutarti?... o troverai una società magari mutata come te che ti chiederà qualcosa in cambio?...

Credo sia una piccolissima minoranza che la pensa come Giulia... almeno così cinicamente...

Pierluigi Fauzia ha detto...

Io sono senza parole.

Credetemi mi è difficile aggettivare il commento della Signora Fascinelli.

Mi è difficile addirittura immaginare che la Signora Fascinelli abbia una consistenza empirica.

Inizio a credere,con l'anonimo delle 15.23,che si tratti della medesima persona che si spaccia ora per Tizio ora per Caia,quando non decida di restare anonimo\a.

gloria ha detto...

io pretendo rispetto e mi sembra che mi sia dovuto.
capisco che per voi non è semplice e mi chiedo come mai in questo sito ci si permetta di insultare e calunniare persone come Dell'Utri o Previti accusandoli di reati mai commessi e ancora non vi siate beccati delle denunce per diffamazione e calunnia.
sono cose strane, forse per questo andrebbe regolamentata la rete. Perché ognuno scrive cose non provate e si permette anche di fare sarcasmo pure se espressamente proibito dalla legge.

Io non so come rispondere ai vostri messaggi che mi accusano di cinismo, vorrei sapere anche dalla redazione cosa pensa in proposito di questi atti diffamatori nei confronti del governo e di parlamentari democraticamente eletti.

spero che in futuro venga esplicitamente vietato di nominare e criticare l'attuale governo e i parlamentari da me citati, in attesa che leggi più severi prevedano il carcere per coloro che osano solo nominare quelle persone.

salvatore d'urso ha detto...

X Gloria... o Giulia...

Ok...

Sono daccordo con te... non vedo l'ora che facciano quelle leggi...

:)

Anonimo ha detto...

Ok, questa ne è la conferma. Per conto mio Gloria, Giulia, Arturo, e altri non sono altro che semplici troll. Solo che sapendo come verrebbero trattati (ignorati) in un blog serio come questo cercano di scrivere in maniera leggermente più complessa, giusto per tirarci a discutere di aria fritta.

Non vedo altra soluzione.

Non posso credere (per quanto io sia molto cinica) che esita gente in Italia (e così tanta) che continua a dire -ma soprattutto a pensare- che sia un diritto sociale e civile la censura delle opinioni liberamente espresse, che non si possano financo "nominare" i politici solo perché gente come questi quattro esseri li hanno volutamente mandati là dove stanno, fingendo poi di dimenticarsene e credere che stiano lì per diritto divino.

Silvia.

Anonimo ha detto...

.....gloria??? ma non era giulia?

Anonimo ha detto...

Giulia ha chiesto "ma cosa è poi la democrazia per voi"?

Una risposta dagli americani:
The chief characteristic and distinguishing feature of a Democracy is: Rule by Omnipotent Majority. In a Democracy, The Individual, and any group of Individuals composing any Minority, have no protection against the unlimited power of The Majority. It is a case of Majority-over-Man.
A Republic is a constitutionally limited government of the representative type, created by a written Constitution--adopted by the people and changeable (from its original meaning) by them only by its amendment--with its powers divided between three separate Branches: Executive, Legislative and Judicial. Here the term "the people" means, of course, the electorate.Its purpose is to control The Majority strictly, as well as all others among the people, primarily to protect The Individual’s God-given, unalienable rights and therefore for the protection of the rights of The Minority, of all minorities, and the liberties of people in general.
http://www.lexrex.com/enlightened/AmericanIdeal/aspects/demrep.html

L'Italia qual'è? Una Repubblica o una Democrazia?

Besugo ha detto...

Sinceramente penso che la Redazione avrà buoni motivi per pubblicare post, chiaramente, provocatori.
Ma il commento a tali post non è obbligatorio.
L'esposizione di tali sproloqui, non mi sgomenta, anzi, mi sprona ad essere coerente con i principi condivisi in questo ineguagliabile BLOG. E perseverare indefessamente a manifestare per la giustizia uguale per tutti.

PS
Giustizia uguale per tutti, soprattutto per i provocatori palesi ed occulti.