«Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima cosa, perchè lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana»(Silvio Berlusconi, 4 settembre 2003)
.

domenica 22 febbraio 2009

Se il caso Mills fosse scoppiato in Usa





di Alexander Stille
(Giornalista)





da Repubblica del 19 febbraio 2009


«Allora, fammi capire – mi ha scritto un mio collega giornalista americano – viene condannato per corruzione il coimputato del primo ministro ma si dimette il capo dell’opposizione. Che strano Paese, l’Italia».

Poi, mi chiama più tardi un’altra collega americana che chiede, «ma è possibile che non avrà conseguenze gravi la condanna di David Mills?». «Dopo tutto – aggiunge – se Berlusconi non avesse fatto passare il Lodo Alfano sarebbe stato condannato anche lui? Come spieghi il fatto che cose di questa gravità passano come se nulla fosse?».

Prima, ricapitoliamo i fatti principali.

Nel febbraio 2004, David Mills, l’avvocato britannico di Berlusconi che si occupava dei conti “off-shore” della Mediaset, i conti cosidetti “very discreet”, per operazioni finanziarie segrete e forse illegali, mette penna su carta.

Impaurito dalla possibilità di essere colto in fallo con un pagamento di 600.000 dollari non dichiarato al fisco inglese, decide di spiegarne l’origine al suo fiscalista.

Spiega che i soldi erano un regalo o un prestito a lungo termine per il silenzio nei vari processi di Berlusconi che chiama sempre B. o Mr. B.

Il fiscalista, per non essere complice di un reato, passa la lettera alle autorità britanniche, le quali a loro volta, informano la magistratura italiana.

Quindi, il processo nasce non da una caccia alle streghe dei giudici italiani ma da una comunicazione di un reato denunciata nel Regno Unito alla quale la magistratura ha dovuto rispondere.

Mills conferma ai magistrati italiani il contenuto della sua lettera.

Solo in un momento successivo, quando si accorge forse di essere in guai ancora più gravi, ritratta le sue dichiarazioni e dice di aver avuto i soldi da un’altra parte.

Evidentemente il tribunale di Milano ha trovato più convincente la prima versione e l’ha condannato.

Nel processo originario, Berlusconi era coimputato con Mills e con buona probabilità, dato l’esito del processo, sarebbe stato condannato anche lui se il suo governo, con grande tempestività, non avesse varato il Lodo Alfano che protegge il primo ministro da qualsiasi processo penale durante il suo mandato.

Che un caso così grave (un primo ministro che rischia la condanna per aver corrotto un testimone al fine di evitare, forse, altre condanne – falsando completamente il sistema giudiziario – e poi si toglie dai guai usando il Parlamento per farsi leggi ad personam) passi quasi inosservato, desta stupore e incredulità nel pubblico americano.

Dopotutto, quando il governatore democratico dell’Illinois viene scoperto a promettere favori in cambio di denaro, viene espulso dall’assemblea sia dai democratici che dai repubblicani.

Quando l’uomo scelto da Barack Obama per riformare la sanità americana, Tom Daschle, viene scoperto nei guai con il fisco, il presidente è costretto ad allontanarlo.

Allora, come si spiega la mancanza di risposta in Italia?

In parte, bisogna partire da lontano; con l’unità d’Italia, lo Stato visto come un’imposizione; l’abitudine di guardare la legge con sospetto come strumento di potere, evitata dai potenti, interpretata per gli amici e applicata ai nemici.

Ma questo è solo lo sfondo, non spiega tutto.

Ricordiamoci, l’opinione pubblica era massicciamente a favore della magistratura ai tempi dell’inchiesta Mani Pulite quando Berlusconi è sceso in campo.

Ma in un paese normale, non avrebbe mai potuto farlo essendo ancora proprietario di tre grandi reti televisive.

Sarebbe stato messo fuori gioco dai soldi a Craxi, dalle tangenti alla Guardia di Finanza, anche se i processi non hanno portato a condanne.

O dal caso Previti: per conto di chi l’avvocato Previti ha corrotto il magistrato Renato Squillante?

O dal caso Dell’Utri: per chi ha lavorato Marcello Dell’Utri in tutti gli anni in cui ha intrattenuto rapporti con esponenti importanti della mafia?

Si potrebbe andare avanti per molti paragrafi.

Ma ovviamente, la risposta è più complessa.

Una delle più grandi prestazioni di Berlusconi (se le possiamo chiamare cosi) è di aver sistematicamente smantellato Mani Pulite.

Per ogni guaio giudiziario del Cavaliere e della Mediaset, partiva un attacco feroce contro i giudici.

Venivano fatte sistematicamente delle accuse gravissime – che andavano dalla corruzione all’assassinio, contro Di Pietro, Borrelli, Caselli, contro altri magistrati di punta come Piercamillo Davigo e Gherardo Colombo.

E poi i vari casi Mitrokhin e Telekom con le accuse di megatangenti a Romano Prodi e Piero Fassino.

Il fatto che queste accuse siano tutte crollate non importa.

Creava l’apparenza, falsa, di un’equivalenza morale. Così fan tutti.

La raffica di accuse e contro-accuse crea una tale confusione che l’elettore medio ha deciso di non tenere conto delle questioni giudiziarie e morali.

La retorica antipolitica di Berlusconi ha aggravato il già diffuso cinismo degli italiani da cui trae beneficio politico.

Con abilità brillante, riesce a governare il paese per anni in una fase di netto declino ma riesce a presentarsi come l’uomo dell’opposizione alla politica.

Peggio va, meglio è per lui, un sistema perfetto – per ora.

In tutto questo ha un ruolo estremamente pesante il mondo dell’informazione.

Appariva in prima pagina e all’inizio dei telegiornali la conferenza stampa in cui Berlusconi ha dichiarato, cimice in mano, di essere stato spiato – il delitto politico più grave dopo il Watergate.

Ma la notizia che era tutta una bufala è stata riportata come una notizietta.

Ho suggerito un piccolo esame alla mia collega americana che chiedeva perché il caso Mills non avrebbe inciso nel dibattito italiano: vediamo se il Tg1 o il Tg2 riportano o citano la lettera di David Mills, la pistola fumante del processo.

Qualsiasi resoconto del processo avrebbe l’obbligo di spiegare su quale base un tribunale della Repubblica ha condannato qualcuno di un reato molto grave.

Se c’ è un’informazione libera in Italia i tg menzioneranno almeno l’esistenza della lettera.

Ma i due grandi Tg della Rai hanno sepolto la notizia con dei brevi servizi in mezzo al programma e nessuno ha spiegato sulla base di quali prove è stato condannato l’avvocato Mediaset.

Ho saputo che il servizio ha rischiato addirittura di non esserci.

La sede di Milano della Rai non ha neppure mandato una troupe al tribunale per fare un servizio.

Hanno spiegato i dirigenti che senza Berlusconi come imputato non aveva nessuna importanza nazionale, aggiungendo figuriamoci dopo i risultati in Sardegna.

Solo dopo la protesta dei giornalisti e il loro sindacato – e per evitare uno scandalo – si è fatto qualcosa, ma a quell’ora la Rai ha dovuto comprare il filmato da una troupe privata.

Ormai i giornalisti dei tg sono talmente condizionati che diventa prassi normale tacere su notizie imbarazzanti o sgradevoli.

Berlusconi ha detto un giorno a Marcello Dell’Utri: “Non capisci che se qualcosa non passa in televisione non esiste? E questo vale per i prodotti, i politici e le idee”.

E’ anche per questo che in Italia il caso Mills non esiste o quasi.



3 commenti:

Anonimo ha detto...

"Berlusconi ha detto un giorno a Marcello dell'Utri "Non capisci che se qualcosa non passa in televisione non esiste?
E questo vale per i prodotti,i politici e le idee".
Dopo l'enorme costo per i cittadini dell'"evento" Sanremo, ha vinto il raccomandato di Maria De Filippi.
Ieri ho ascoltato la versione integrale della manifestazione di Piazza Farnese su Radio Radicale.
Grazie Micromega.
E' questa la strada.
Alessandra

Maria Teresa ha detto...

Il punto è che gli spazi per un’informazione libera sono, ormai, ridottissimi … e quelle poche voci libere che sono rimaste vengono “oscurate” o messe a tacere, come si sta cercando di fare con la cosiddetta legge “ammazzanotizia”.
Il silenzio sul caso Millis è vergognoso ed oggi pesa ancora di più il silenzio del Capo dello Stato sul Lodo Alfano, nonostante la denuncia di legittimità costituzionale avanzata, a suo tempo, da ben cento costituzionalisti …

Anonimo ha detto...

Dobbiamo ringraziare il cielo che Mills sia stato condannato, per come vanno le cose ci poteva essere la possibilità che fosse assolto.Che non ci sia silenzio sul caso Mills dipende solo da noi.Quello che si bisbiglia nelle case é ora che venga gridato sui tetti!