«Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima cosa, perchè lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana»(Silvio Berlusconi, 4 settembre 2003)
.

giovedì 19 febbraio 2009

Resti in carcere il serial criminale






di Bruno Tinti
(ex Procuratore della Repubblica Aggiunto di Torino)






da La Stampa del 19 febbraio 2009 e da Toghe Rotte


Per spiegare le infinite possibilità di evitare il carcere offerte ai condannati per reati anche gravi, racconto spesso una storiella: come si può ammazzare la moglie e non fare nemmeno un giorno di prigione.

Mettendo in fila tutti gli sconti di pena, i permessi, le libertà vigilate, le liberazioni anticipate previste dalla legge, succede che le pene inflitte dai giudici alla fine del processo sono nei fatti almeno dimezzate e spesso annullate.

La legge prevede la possibilità di lavorare all’esterno del carcere dopo 5 anni di pena effettivamente scontata (10 per gli ergastolani); 45 giorni di permesso premio ogni anno dopo almeno un quarto di pena effettivamente scontata (10 anni per gli ergastolani); quando restano solo 3 anni da scontare (e per tutte le pene inferiori a 3 anni), l’affidamento in prova al servizio sociale: il condannato sta fuori del carcere e racconta all’assistente sociale come si sta comportando; gli arresti domiciliari per un massimo di 2 anni (la cosa è un po’ più articolata ma questa è la parte che c’interessa); la liberazione anticipata (la famosa legge Gozzini): uno sconto di 45 giorni ogni 6 mesi; quindi, in realtà, 1 anno sono 9 mesi, 4 anni sono 3 anni, 10 anni sono 7 e mezzo.

Tutto questo si cumula, e così si capisce perché in prigione ci stanno poche persone e per poco tempo.

Fanno eccezione terroristi e mafiosi, schiavisti e sequestratori di persona a scopo di estorsione, associati a delinquere per contrabbando e stupefacenti: per loro niente benefici a meno che non si pentano e collaborino con la giustizia.

Però la Gozzini resta applicabile a tutti, che collaborino o no: basta che in carcere non si comportino male.

Adesso questa straordinaria severità (si chiama certezza della pena) sarà applicata anche agli stupratori, ed è proprio una buona cosa.

Se scomodiamo i principi generali e ci chiediamo perché alcuni condannati debbono essere trattati peggio di altri (il che potrebbe sembrare ingiusto), la risposta è che si tratta di persone certamente pericolose: il mafioso e il terrorista, finché restano tali, aderiscono ad associazioni antagoniste dello Stato; e le persone condannate per gli altri reati che impediscono di godere dei benefici carcerari sono considerate a forte rischio di reiterazione: l’esperienza insegna che molto probabilmente commetteranno altri reati della stessa specie.

Questo punto è molto importante.

La maggiore severità non dipende dalla particolare gravità del reato; per questo c’è già la pena prevista dalla legge: più il reato è grave, più la pena è alta.

Se così non fosse, tanto varrebbe introdurre, per alcuni reati, pene di specie diversa, per esempio la tortura, il che in un Paese civile non si fa.

Sicché impedire agli stupratori di uscire dal carcere prima di aver scontato la pena, come si fa con i mafiosi, i terroristi ecc., non dipende dal fatto che il reato da loro commesso è grave (certo lo è); serve per garantirsi, nei limiti del possibile, che non stuprino ancora.

Tutto bene? Sì, per quanto riguarda la certezza che gli stupratori se ne stiano in prigione quanto gli tocca (ma resta la Gozzini).

No, per quanto riguarda il fatto che questo regime finalmente giusto non è stato applicato a tutte le altre categorie di delinquenti presunti seriali.

La Giustizia spende un sacco di soldi per far funzionare i Casellari Giudiziari: gli uffici che aggiornano i certificati penali.

Sarebbe bene trarne una qualche utilità.

Se una persona è stata condannata più volte per rapina, furto, truffa, guida in stato d’ebbrezza o sotto l’influsso di stupefacenti, omicidio colposo commesso perché ubriaco o drogato, se insomma la previsione che commetterà altri reati dello stesso tipo è fondata, visto che continua a commetterne; per quale motivo non dev’essere assoggettata allo stesso regime oggi previsto per gli stupratori?

Forse che le vittime di questi reati non hanno diritto alla stessa tutela di una persona violentata?

Naturalmente a questo punto si apre un problema: che ne facciamo degli amministratori pubblici condannati per corruzione?

E degli imprenditori condannati per falso in bilancio e bancarotta?

Anche questo tipo di delinquenti provoca dei bei danni; sembrano meno gravi perché non sono sanguinosi, colpiscono tanta gente tutta insieme e quindi senza volto; e, soprattutto, sono un po’ sdoganati dai fulgidi esempi della classe dirigente.

Però chi ti rapina una volta ti porta via il portafoglio o il contenuto della cassa; ma chi fa fallire una società in cui hai investito i tuoi risparmi ti porta via tutto; e chi aggiunge al prezzo dell’appalto la sua tangente impoverisce tutto il Paese.

Forse anche per questa gente dovrebbe valere il principio per il quale, accertato che si tratta di soggetti pericolosi, è bene garantirsi che non ne combinino altre.

Proprio come per gli stupratori.

Eh, magari. Mi accontenterei che non venissero eletti in Parlamento.


3 commenti:

Oscar ha detto...

... da avvocato e da cittadino non posso che dissentire da tutta la parte iniziale dell'articolo in cui si criticano tutte le riforme di un sistema penitenizario (in primis la Gozzini) improntate a rendere più giusto un sistema assai discutibile.
Inoltre, secondo la mia (modesta) esperienza:
1) l'affidamento in prova si è rivelato in alcuni casi reale strumento di recupero sociale del reo (specie i cd. "cavallini", ovvero individio non tossicodipendenti usati per il traffico di droga): la domanda, a questo punto, è se il recupero anche di un solo delinquente valga a giustificare la possibiltà concessa a tutti di CHIEDERE (non di ottenere con certezza) i benefici (sui quali decide un magistrato e non il diretto interessato!);
2) il meccanismo descritto ha, in realtà, effetti perversi, il principale quello di rendere effettive solo le pene minime (ad es. i 5 mesi e 10 giorni inflitti all'extracomunitario per art. 14 co. 5 ter D.L.vo n. 286/98 alias Bossi - Fini, a cui in certi tribunali non viene concessa la pena sospesa, perché non è ben "identificato" e, quindi, potrebbe avere precedenti non risultanti o i 4 mesi, da fare in carcere e non ai domiciliari, per il furto aggravato di 4 pacchetti di Diana rosse inflitto a soggetto, sì gravato da tre precedenti, ma tutti per il gravissimo reato di furto del rottame);
3) la certezza della pena dovrebbe essere certezza che all'accertamento di un reato corrisponda la punizione del colpevole (mentre in Italia su 100 reati commessi si fanno processi, forse, a 30 imputati, di cui 10 assolti, 10 prosciolti, magari per prescrizione e gli altri a volte finiscono in carcere)... invece qui si vuole solo essere certi che i pochi responsabili individuati con certezza (magari sulla spinta emotiva dei media) paghino anche per gli impuniti;
4) le soluzioni, per me, sono semplici: DEPENALIZZARE (e parlo contro i miei interessi di avv.) ad es. il 186 c.d.s o i reati in materia di immigrazione (le sanzioni amministrative possono rivelarsi ben più efficaci del processo penale), RAZIONALIZZARE le pene (assurdo che per droga sia prevista la pena da 6 a 20 anni, mentre per rapina o bancarotta fradudolenta la pena sia da 3 a 10... o abbassi le pene per droga o alzi quelle per gli altri due), EFFETTIVITA' della DIFESA (si torna al vecchio problema della difesa d'ufficio, grazie alla quale la giustizia penale va avanti in Italia: di fatto la categoria professionale avvocati svolge un servizio di assistenza sociale allo Stato ed alla magistratura), INVESTIRE e RECUPERARE DENARO (ok la giustizia non è un'impresa, ma possibile che sia così raro vedere un PM avanzare richiesta di sequestro conservativo in favore delle persone offese, di sequestro preventivo per reati "poco" gravi (come la citata bancarotta), ecc. previe verifiche patrimoniali fatte con un minimo di diligenza... come quelle che vengono effettuate dai miei colleghi civilisti quando devono recuperare un credito?).
Concludendo (e quello che dirò potrà sembrare assurdo) credo che i Tribunali, le Procure, le Corti, ecc. dovrebbero avere come modello gli studi legali e, per far questo, è necessario dare poteri effettivi (garantiti da controlli effettivi) ai magistrati dirigenti degli uffici (i quali dovrebbero avere l'umiltà di ascoltare anche le opinioni di chi "conta meno", come avvocati, forze di polizia, imputati - anche loro sono "fruitori" del sistema giustizia - e, ovviamente, persone offese, attori e convenuti in sede civile, ecc.).

Edmondo_Dantes ha detto...

puo' dissentire quanto vuole.. ma il dissentire, non permetta che quello scritto nella prima parte accada..

Oscar ha detto...

... ad onor del vero nella prima parte vi è scritto, tra l'altro, "come si può ammazzare la moglie e non fare nemmeno un giorno di prigione"... Ma sarebbe forse da spiegare anche le ragioni dell'introduzione dei benefici penitenziari ed i modi con cui vengono applicati, oltre a dissentire dal contenuto di tali affermazioni dissento anche, e soprattutto, dal modo in cui vengono fornite: ad es. chi concede la liberazione anticipata?
In secono luogo mi preme specificare che sono contrario (come molti colleghi, v. la recente comunicazione dell'Unione delle Camere penali) alle riforme di questo (e di altri) governo, in larga parte funzionali ad emergenze inventate dei media, ma anche a voci che vorrebbero modificare il sistema penitenziario (ripeto, forse qualcuno non ha capito, non si accede ai benefici in maniera automatica) in senso peggiorativo, senza prima affrontare altri temi (che sono poi quelli da me indicati prima, in primis quello della depenalizzazione e del rafforzamento del ruolo della persona offesa per alcuni reati).