«Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima cosa, perchè lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana»(Silvio Berlusconi, 4 settembre 2003)
.

sabato 17 luglio 2010

Il marcio de “La Magistratura”





di Felice Lima
(Giudice del Tribunale di Catania)






da Il Fatto Quotidiano online del 17 luglio 2010



In questi giorni sono su tutti i giornali notizie molto attendibili (in particolare, fra l’altro, registrazioni telefoniche) di vicende oscure che coinvolgono magistrati collocati ai vertici dell’amministrazione della giustizia e in ruoli molto importanti del governo.

Risultano a vario titolo coinvolti nelle vicende riportate dai giornali il Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione Vincenzo Carbone, il Presidente della Corte di Appello di Milano Alfonso Marra (detto “Fofò” nelle intercettazioni), il Presidente della Corte di Appello di Salerno Umberto Marconi, in passato autorevole esponente dell’Associazione Nazionale Magistrati (Segretario Generale di Unità per la Costituzione) e anche membro del Consiglio Superiore della Magistratura, il Sottosegretario di Stato Giacomo Caliendo, in passato Presidente dell’A.N.M. e anche lui ex Consigliere del C.S.M., il dr Antonio Martone, ex Avvocato Generale della Corte Suprema di Cassazione (in pratica il Vice Procuratore Generale), anche lui ex Presidente dell’A.N.M., da qualche mese a capo di una Commissione per la valutazione, la trasparenza e l’integrità (!!!???) delle amministrazioni pubbliche, istituita dal ministro Brunetta, il dr Arcibaldo Miller (detto “Arci” nelle telefonate), magistrato impegnato in una delle correnti dell’A.N.M. (Magistratura Indipendente) e attualmente Capo degli Ispettori del Ministero della Giustizia.

Emerge anche che, secondo uno dei componenti del C.S.M., l’avv. Michele Saponara, le raccomandazioni al C.S.M. non sarebbero l’eccezione, ma la regola (Saponara, secondo i giornali, avrebbe detto, fra l’altro: «Non voglio liquidare la faccenda dicendo: così fan tutti. Ma è un dato di fatto che Alfonso Marra non è stato il primo a chiedere raccomandazioni. Di pressioni al Csm ne arrivano ogni giorno, per ogni nomina, dalla più importante alla più defilata. Un’iradiddio. Da destra, da sinistra, dal centro, senza distinzioni»).

Mentre un altro Consigliere del C.S.M., l’avv. Celestina Tinelli, si sarebbe difesa dicendo che il faccendiere Lombardi «al C.S.M. era di casa». Secondo una agenzia di stampa, Marra avrebbe detto che Lombardi «stava con la lingua in bocca con tutti».

Ovviamente non è questa la sede per accertare fatti ed (eventuali) responsabilità. Per quello ci sono i Tribunali.

Non è in alcun modo mia intenzione fare processi ad alcuno né prendere posizione alcuna su colpevolezze e innocenze individuali.

Ciò di cui voglio occuparmi non sono i singoli, ma il quadro complessivo che viene fuori dalle notizie di stampa alle quali ho fatto riferimento.

Il quadro complessivo è più che preoccupante. Per il livello delle istituzioni coinvolte, per la gravità dei fatti, per il sistema di relazioni che emerge dai toni e dalle parole.

Fa molta impressione leggere di una telefonata nella quale il Primo Presidente della Corte Suprema avrebbe dialogato con un faccendiere del corso di un procedimento di grande rilievo che interessava ad amici del faccendiere medesimo e, nel mentre accettava di trattare di quel caso in modo certamente non istituzionale, chiedeva al faccendiere cosa gli avrebbero fatto fare dopo la pensione e si lasciava rassicurare sul fatto che quello ne aveva già parlato con il suo “amico di Milano”, così come fa ancora più impressione constatare che dopo quella telefonata il partito che sta al Governo ha proposto una legge per elevare l’età massima alla quale i magistrati vanno in pensione in modo che Carbone potesse restare in servizio per altri tre anni.

Queste vicende e altre sono estremamente gravi e tali da non consentire il commodus discessus della favoletta delle singole mele marce.

Il quadro complessivo che viene fuori dalle notizie di stampa impone di prendere atto che, oltre alle condotte di questo o quel singolo, c’è qualcosa di marcio nel sistema nel suo complesso.

E quello che, con evidenza, non va sono i legami molto ampi e molto diffusi fra magistrati con ruoli di importanza centrale nell’amministrazione della giustizia e nel cosiddetto autogoverno (esponenti, insomma, del “potere interno” alla magistratura) e ambienti della politica, degli affari e del potere (di quello trasparente e di quello oscuro).

Sembra trovare riscontro la tesi – da tanti di noi più volte sostenuta in diverse sedi – che il “potere interno” alla magistratura ha rapporti troppo ravvicinati e troppo spesso complici con il “potere esterno” che, invece, dovrebbe controllare.

Non può essere un caso che nelle vicende qui in discussione siano coinvolti ben due ex Presidenti dell’A.N.M., ben due ex Consiglieri del C.S.M. e un ex Avvocato Generale della Cassazione.

Come non possono non trarsi le logiche conseguenze dal fatto che il Primo Presidente della Corte di Cassazione, tenuto a fare il giudice di un processo nel quale sono in discussione centinaia di milioni di euro di un’azienda riferibile al Presidente del Consiglio, parli al telefono con un faccendiere che gli chiede di anticipare l’udienza, gli porta dell’olio buono e gli promette di fare agire “l’amico di Milano” per assicurargli un futuro professionale gradito.

In queste condizioni è molto difficile confidare che il “controllore” potesse davvero controllare.

La questione è grave e complessa e magari proverò a trattarla dividendola in più interventi.

Questo post, intanto, può essere quello nel quale sfatare un gravissima mistificazione che nuoce grandemente all’immagine della giustizia e alle sue speranze di positiva riforma.

La confusione fra “i magistrati” e “La Magistratura”.

“La Magistratura” è un corpo complesso. Nel suo insieme un “potere”.

Questo potere è in mano a un gruppo molto ristretto di persone, dei veri oligarchi, che lo gestiscono secondo logiche e con metodi che andrebbero messi sotto i riflettori e democraticamente discussi. E che invece sono sostanzialmente poco trasparenti e sconosciuti ai più.

Ma i titolari di questo potere, questi oligarchi, si nascondono dietro il valore e la storia di singoli “magistrati”.

Quando parla “La Magistratura” invoca i nomi di Falcone e Borsellino, ricorda il sangue dei suoi tanti morti, Rosario Livatino, Salvatore Saetta, Mario Amato, Giangiacomo Ciaccio Montalto e molte altre decine.

Ma “La Magistratura” non merita gli onori dovuti a questi eroi e ne usurpa la storia.

I “magistrati” che danno lustro a “La Magistratura” non erano “omologhi”, ma, al contrario, decisamente diversi da “La Magistratura”. Quasi sempre isolati e perseguitati da “La Magistratura” medesima.

Il C.S.M. non è mai stato accanto ai Falcone, ai Borsellino, ai Borrelli, ai Colombo, ai Davigo, ai Ciaccio Montalto, ai Chinnici. Permettetemi, ai De Magistris, alle Forleo, alle Nuzzi e ai Verasani.

In definitiva, purtroppo, “La Magistratura” (intesa come gli oligarchi che formalmente la rappresentano) non è e non assomiglia per niente a coloro dietro le cui storie si copre dinanzi all’opinione pubblica e le cui storie ha tradito e tradisce ogni giorno.

Falcone, Borsellino, Ciaccio Montalto, Chinnici, De Magistris, Borrelli, Colombo, Davigo non sono mai stati Presidenti dell’Associazione Nazionale Magistrati e neppure membri del C.S.M.. Presidenti dell’A.N.M. e membri del C.S.M. sono stati i protagonisti delle storie di questi giorni e tanti altri come loro (Umberto Marconi, attuale Presidente della Corte di Appello di Salerno, fu quello che, da Consigliere del C.S.M., fece da relatore della nomina di Meli, invece che Falcone, a Capo dell'Ufficio Istruzione di Palermo).

Di questo bisognerà avere il coraggio di prendere atto.

In modo da lasciare chiaro chi subisce incolpevolmente l’andazzo che porta il Primo Presidente della Cassazione a ricevere bottiglie di olio buono da un faccendiere e chi quell’andazzo ha in vario modo e a vario titolo consentito che si realizzasse.

Perché è chiaro che ciò che dovrebbe fare chi quell’andazzo in vario modo e a vario titolo ha consentito che si realizzasse è ammettere la responsabilità di ciò e dimettersi dalle cariche associative e di “potere interno” che ha.

Oggi il Presidente e il Segretario Generale dell’A.N.M. chiedono garbatamente ai magistrati coinvolti nelle tristi storie delle quali parlano i giornali di dimettersi.

Ma poco più di un anno fa gli stessi Palamara e Cascini non chiesero cortesemente dimissioni, ma invocarono ghigliottine e non a favore dei magistrati impegnati, ma contro di loro.

Poco più di un anno fa alcuni colleghi lavoravano a indagini che scoperchiavano le stesse consorterie che oggi sono sui giornali. Poco più di un anno fa Luigi De Magistris, Gabriella Nuzzi e Dionigio Verasani acquisivano prove di fatti perfettamente analoghi a quelli che oggi leggiamo sui giornali.

E cosa fecero l’A.N.M., il C.S.M. e l’intero cosiddetto autogoverno della magistratura, insomma “La Magistratura”?

Li spazzarono via. In pochi giorni.

Palamara e Cascini invocarono dalle prime pagine dei giornali l’intervento del Ministro e il Ministro “intervenne”, mandando Arcibaldo Miller.

Il Procuratore di Salerno Luigi Apicella, reo di avere permesso ai colleghi Nuzzi e Verasani di redigere un decreto di perquisizione e sequestro confermato in tutte le sedi competenti si è trovato IN POCHI GIORNI, senza funzioni e senza stipendio.

L’A.N.M. e il C.S.M. intervennero pesantemente nelle inchieste di De Magistris, Nuzzi e Verasani e ne causarono, di fatto e a prescindere dalla intenzioni di chiunque, il rallentamento e sotto alcuni profili la paralisi.

Lo stesso non sta accadendo e, purtroppo, non accadrà per nessuno dei protagonisti delle vicende oggi sui giornali.

Alcuni giornali hanno titolato: “Il C.S.M. trasferisce Marra”.

Ma il titolo è falso.

Il C.S.M. ha solo aperto una pratica ex art. 2 della Legge sulle Guarentigie (R.D.L.vo 511/1946).

Se conosco bene questi meccanismi (e purtroppo li conosco bene), tendenzialmente accadrà quanto segue:

- questo C.S.M. ha aperto la pratica, ma non la tratterà, perché scade il 31 luglio (e, d’altra parte, come avrebbe potuto trattarla, se, il Consigliere Tinelli, finita anche lei sui giornali in questi giorni, si difende dicendo che Lombardi al C.S.M. era di casa?);

- il nuovo C.S.M. si occuperà della cosa non prima di ottobre e allora altri scandali occuperanno le pagine dei giornali e nessuno si ricorderà di Marra;

- quando la pratica verrà trattata, si osserverà che non si può utilizzare la procedura ex art. 2 della Legge sulle Guarentigie per fatti colpevoli;

- qualcuno ricorderà che con Clementina Forleo l’hanno usata illegittimamente (tanto che il TAR ha annullato il trasferimento) e loro diranno: “Con la Forleo abbiamo sbagliato, ora non possiamo sbagliare ancora”;

- qualcuno allora dirà “Bene, allora fategli il processo disciplinare”, ma poiché Palamara e Cascini non invocheranno la stessa tempestiva mannaia calata su Apicella, Nuzzi e Verasani, limitandosi a chiedere con umile cortesia le dimissioni spontanee di non si sa chi (perché nessun nome viene neppure fatto), la cosa andrà avanti per le lunghe e Marra farà in tempo a maturare il limite massimo di età pensionabile.

Solo pochi mesi fa ha lasciato “La Magistratura” in fretta e furia, mentre una Procura indagava su di lui in relazione a vicende non meno imbarazzanti di quelle odierne, il Procuratore Aggiunto di Roma Achille Toro, anche lui maggiorente dell’A.N.M., già Presidente di Unità per la Costituzione, la corrente maggioritaria dell’A.N.M., dimessosi qualche anno prima da quella carica per essere rimasto coinvolto in un’altra imbarazzante vicenda (le indagini sulla scalata Unipol) e nonostante quella vicenda messo a fare il Procuratore Aggiunto di Roma.

Quando si è dimesso Toro, tutto quello che l’A.N.M. ha saputo e voluto dire è testualmente questo:

«Le recenti indagini presso la Procura della Repubblica di Firenze rappresentano l’occasione per ribadire che la deontologia professionale, la correttezza e il riserbo nei comportamenti rappresentano baluardi della credibilità della magistratura, in relazione ai quali si impone un costante impegno complessivo e coerente di autoriforma. E’, pertanto, indispensabile che tali questioni, in quanto esprimono valori fondamentali della giurisdizione, trovino concreta e tempestiva risposta nell’organo di governo autonomo, anche attraverso la scelta di una dirigenza professionalmente adeguata. La Giunta riafferma il proprio impegno a tenere alta l’attenzione sui temi indicati, che appaiono indefettibili per il futuro della magistratura. Roma, 17 febbraio 2010».

Tutto qui.

Nient’altro che queste inconcludenti e genericissime parole.

Un brevissimo vaniloquio per fare finta di avere preso una posizione (ognuno potrà giudicare da sé se questo comunicato/farsa possa essere inteso come “prendere una posizione”).

Mentre Unità per la Costituzione, invece di vergognarsi e chiedere scusa per quanto coinvolgeva il suo ex Presidente ha prodotto solo un comunicato ancor più vaniloquente e surreale, sol che si consideri che sono stati ai vertici di Uncost (Achille Toro, ex Presidente), Umberto Marconi (ex Segretario Generale e Consigliere del C.S.M.), Giacomo Caliendo (ex Presidente A.N.M. ed ex Consigliere del C.S.M.), Antonio Martone (ex Presidente A.N.M.).

Unicost, invece di vergognarsi e chiedere scusa, in quel comunicato si dipinge come fucina di campioni della deontologia e della morale.

Goacchino Genchi ha pubblicato in un libro (“Il caso Genchi. Storia di un uomo in balìa dello stato”) il testo di intercettazioni telefoniche che raccontano retroscena decisamente scabrosi nei rapporti fra magistrati e potere, ma quelle cose è come se non fossero mai state raccontate e rese pubbliche.

Quando sui giornali scoppiano scandali gravissimi che coinvolgono “La Magistratura”, dentro “La Magistratura” si fa il più fitto, assordante e impenetrabile silenzio.

Si direbbe una triste e dolorosa omertà.

De Magistris, Forleo, Nuzzi, Verasani, Apicella, sono argomenti tabù.

I magistrati parlano continuamente del marcio della politica e tacciono ostinatamente sul marcio de “La Magistratura”.

Salvo poi, quando qualche telefonata di “grandi Capi” de “La Magistratura” finisce sui giornali, fingere di “cadere dal pero”, come molto opportunamente ha scritto Marco Travaglio con l’arguzia di sempre, in un articolo di qualche giorno fa.

Ben vengano, ovviamente, gli striminziti e deplorevolmente generici comunicati stampa dell’A.N.M., ma allo stato sono solo “chiacchiere”, per giunta fumose e inconcludenti.

C’è molto marcio dentro “La Magistratura” e un’operazione trasparenza non è mai neppure cominciata.

Peggio, chi da quel “marcio” è stato assassinato, punito, trasferito, licenziato, non solo non viene riconosciuto come prova dello scandalo, ma viene usato dai suoi carnefici come “copertura” per fare apparire “La Magistratura” che comanda e gestisce potere – interno ed esterno – uguale ai “magistrati”, che quel potere hanno cercato, a prezzo del sangue, della carriera e del posto di lavoro, di sottoporre al controllo di legalità.

Nei prossimi giorni ritornerò su questo tema, cercando di illustrare a chi non lo conosce come funziona il “potere” interno a “La Magistratura” e perché quel potere è “contro” “i magistrati” e nei fatti danneggia la giustizia, favorendo solo le carriere parallele di alcuni magistrati, arruolati alcuni nei partiti cc.dd. “di destra”, altri nei partiti cc.dd. “di sinistra”, altri in lobby dagli oscuri contorni e dai preoccupanti obiettivi.


______________

Post Scriptum del 19 luglio 2010

Purtroppo, nel descrivere, nell’articolo riportato qui sopra, il presumibile corso delle “pratica Marra” al C.S.M., sono stato facile profeta.

Già oggi il Presidente della Repubblica si è affrettato a fermare tutto, con la "lettera/freno/rinvio/poi vediamo/andiamoci piano/non facciamo di tutta l’erba un fascio” di cui si trova notizia a questo link.




13 commenti:

Gabriele Di Maio ha detto...

Condivido pienamente questa opinione.
Purtroppo, è stato ed è così.
Dipenderà da ognuno di noi se continuerà ad esserlo.

mariettocaisi ha detto...

Iu nenti sacciu.
Pi mia T. e L. sunu iautri ghenti ca carunu ro piru.

Anonimo ha detto...

Il mio commento è leggibile a questo link: http://www.ilparlamentare.it/StampaArticolo.aspx?idar=760
ROBERTO ORMANNI

Luigi Morsello ha detto...

C'è chi è di diverso avviso e traccia un quadro a mio giudizio completo e meritevole di lettura e approfondimento. L'articolo è troppo lungo per poterlo riprodurre qui, ma è leggibile a questo link: http://www.ilparlamentare.it/StampaArticolo.aspx?idar=760
Naturalmente, mi auguro che il giudice Lima svolga considerazioni anche, se non sicuramente critiche sulle opinioni del dr. Roberto Ormanni, direttore della testata online IL PARLAMENTARE. Qualora il link si dovesse non aprire (ho controllato, si apre), lo può rintracciare al sito www.ilparlamentare.it.

Gabriele Di Maio ha detto...

Mi sembra in effetti una lettura interessante, che peraltro fornisce conferme della validità dell'opinione dell'autore dell'articolo in commento.

Anonimo ha detto...

Ai chi esercita la professione ironicamente vorrei invitarli a guardare,spezzoni del film IL MARCHESE DEL GRILLO capolavoro di Monicelli interpretato da Alberto Sordi.Questo per dire, anche sono passati decenni è sembra tutto uguale se non per certi versi peggiore.L'omertà fa comodo più al palazzo o a chi delinque?.Noi cittadini anche se esausti del problema speranzosi di un cambio di tendenza.Ma ad oggi chi ha il caraggio di Falcone,Borsellino,Livatino ecc.che pur sapendo la loro sorte hanno dato al paese il loro contributo.Non tutto è da rifare non tutto è sbagliato ma se continuiamo a giocare al rimpallo di responsabilità la partita resta aperta con noi sotto.

Anonimo ha detto...

Per Luigi Morsello (18 luglio 2010 07.13)
Pur totalmente digiuno di problemi giuridici, mi sono sobbarcato a leggere l'articolo linkato. Forse Genchi e De Magistris hanno esagerato, forse si sollevano polveroni che poi non portano ad alcun risultato pratico sul piano giudiziario; ma io, in quanto cittadino lambda sono interessato a tutt'altro problema: miliardi di euro si sono evaporati in varie regioni meridionali? La mia opinione è che effettivamente questi miliardi di euro si sono evaporati senza lasciar traccia.
Quale è stata l'attitudine delle istituzioni di fronte ad un simile spreco? Le istituzioni hanno esemplarmente punito tutti coloro (cattivi giudici) che, bene o male, si occuparono del problema al fine di rintracciare e punire i colpevoli di simile spreco.
Il repulisti è stato tale che con i miliardi si è riusciti pure a evaporare qualsiasi traccia di colpevolezza o responsabilità Ormai questo gigantesco spreco ha il sapore di un mito, di una leggenda. Terrificante!.
Queste sarebbero le istituzioni?
Decine di organismi che si occupano attivamente di trovare delle irregolarità nel comportamento di Genchi? Ben vengano simili indagini, ma se la trave nell'occhio degli enormi sprechi non viene tolta, che fiducia dobbiamo avere nelle nostre istituzioni?
Per ben meno di questo i Francesi distrussero la Bastiglia.

Francesca ha detto...

Torno dopo una lunga assenza.....
Aspettavo, aspettavo che quello per cui potevamo dire in molti "io so, ma non ho le prove" divenisse provato.
Ora le prove ci sono, per quelli che vogliono vederle.
Ora possiamo dire che questa e' la P2, che non se ne e' mai andata, non la P3, come tutti si affannano a dire, per farci credere che quei poteri forti, per aver nominato i quali la Forleo e' stata presa per pazza, hanno avuto una cesura nel tempo, una specie di pausa.
Hanno operato con coerente e drammatica continuita'; e sono sempre li'. Hanno prodotto ben piu' di due ex presidenti dell'ANM (Felice non puo' aver dimenticato che Palamara ricopre il ruolo attuale perche' il suo predecessore fu "scovato", una manciata di mesi fa appena, ad essere troppo amico di un faccendiere di CL inciampato nelle inchieste di De Magistris....).
E che erano gia' nelle indagini di Woodckok, Forleo e De Magistris molti dei personaggi finiti nelle indagini recenti (ancora troppo frammentate per essere riunite in una rete - ben visibile, pero', all'occhio accorto - che collega un affarismo trasversale alle forze politiche ed al mondo della Chiesa).
Dobbiamo dimenticare Mons. Camaldo, che vendeva pezzi di antiquariato e archeologia e fini' intercettato a Potenza? I sognori del petrolio lucano con interessi contigui alla 'ndrangheta? I Direttori Generali di Asl molto ben accasati - ed amicati...! - compagni di caccia di mafiosi? Bonsignore, Mastella, Elia Valori, Consorte (citato nell'agenda di Carboni) e cosi' massoneggiando?
Tout se tien
Io so, ed ora ho anche le prove....

Luigi Morsello ha detto...

Sarebbe appropriato conoscere la differenza fra un ordinamento giuridico di tipo codicistico e uno di "Common Law" prima di giutificare indagini che sembra siano state irrispettose delle regole procedurali.
Ma è l'opinione del giudice Lima che io desidero conoscere, visto che il post è suo personale.

Mimma ha detto...

Anch'io, come l'Anonimo del 19 luglio 2010 10.22 mi sono letta tutto l'articolo di Roberto Ormanni, ed anch'io come il suddetto Anonimo sono a digiuno di procedure giuridiche (non addetta ai lavori) ed anch'io, come il suddetto Anonimo, mi chiedo: a parte tutti i sofismi e le sfumature... che fine hanno fatto le inchieste?
Anch'io, come forse la maggior parte degli Anonimi Italiani mi aspetterei piu` chiarezza e dignita` da parte di coloro che dovrebbero, in ultima analisi, proteggere e difendere i cittadini! Ma la cosa piu` triste degli ultimi anni e`proprio quella di aver perso il senso del decoro e della dignita` professionale. Ben vengano allora tutte le persone libere di mente che si ribellano a questa situazione.

E. Clarke

Luigi Morsello ha detto...

Se si è digiuni di diritto, non capisco a quale titolo argomentazioni chiarissime, ancorchè giuridiche, possano essere definite "sofismi" e "sfumature". Devo osservare che il giudice Lima, che di diritto di certo non è digiuno, tace ostinatamente, sia sulle argomentazioni di Roberto Ormanni sia sui chiarimenti circa quelle inchieste, che lui può dare certo meglio di me e anche di Ormanni, che in definitiva magistrato non è, ma solo giornalista e cronista giudiziario.
Certo, sarebbe utile capire se la funzione del P.M. è scoprire complotti o reprimere reati.
Ovvio che non sono sinonimi.

Anonimo ha detto...

Caro Anonimo del 19 luglio 2010 10.22 e cara Mimma, queste sono le istituzioni: http://temi.repubblica.it/micromega-online/napolitano-mette-il-bavaglio-al-csm/

Anonimo ha detto...

Sono l'anonimo del 19 luglio 2010 10.22
Non credo di essere intervenuto a gamba tesa, ma riconosco che mi sono intrufolato in una discussione tecnica che non è pane per i miei denti. Devo precisare che la risoluzione con giustizia dei casi dei "giudici cattivi" è il mio "Carthago delenda est".
Parlando di quei casi per me c'è un "prima" e un "dopo". Per quel che ricordo mai prima i dissipatori del bene pubblico avevano fatto prova di una così spavalda sfrontatezza e mai avevano ottenuto un così eclatante risultato.
Se poi si avesse la prova che il CSM, la Cassazione, e tutti gli altri organismi che intervennero nella messa al passo dei "cattivi giudici" abbiano agito in maniera impeccabile e senza alcun interesse discutibile, ci troveremmo nella peggiore situazione possibile, in presenza di un sistema che soffre di una fatale e insanabile contraddizione interna.